Via Fratelli Giraudo 29 - 12011 Borgo San Dalmazzo (CN)
+39 0171 260239
info@studioquality.it | studioquality@pec.it

Qualità e organizzazione aziendale

QUALITÀ E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

Un sistema di gestione e organizzazione aziendale è un insieme di regole che un’azienda fa proprie con lo scopo di raggiungere uno specifico obiettivo. Tali regole sono previste e dettate da una serie di normative il cui obiettivo è quello di:

  • realizzare un’organizzazione che abbia il pieno controllo sulle componenti umane, tecniche e gestionali che determinano la Qualità dei prodotti e servizi;
  • assegnare in maniera chiara ed inequivocabile ruoli e responsabilità;
  • dare evidenza alla propria Clientela delle modalità operative attraverso le quali si svolgono le attività.

L’adozione e l’applicazione efficace di un sistema di gestione e organizzazione aziendale stabilito dalle norme UNI ISO 9001:2015 (norma internazionale in materia di gestione qualità), SA 8000:2014 (norma internazionale in materia di etica e Responsabilità sociale d’impresa) e dal D.lgs. 231/2001 (norma nazionale in materia di responsabilità amministrativa da reato), permetterà all’Organizzazione di:

  • definire procedure gestionali ed operative;
  • realizzare strumenti per il controllo dei costi produttivi;
  • ottimizzare l’organizzazione;
  • vantare risorse costantemente formate ed addestrate.

La norma UNI EN ISO 9001:2015 è una norma internazionale in materia di gestione della “Qualità”, applicabile a qualsiasi organizzazione di qualsiasi tipo di settore e di attività. La norma fornisce indicazioni e strumenti per le aziende che vogliono essere certe che i propri prodotti e servizi soddisfino costantemente le esigenze dei clienti con l’obbiettivo di un costantemente miglioramento.

Un Sistema di Gestione della Qualità aiuta un’azienda e a implementare processi semplificati e a migliorare l’efficienza operativa.
La certificazione qualità ISO 9001:20015 di fatto rappresenta l’atto conclusivo di un importante processo di riorganizzazione aziendale messo in atto dall’azienda e non soltanto l’ottenimento di documento formale.

La ISO 9001:2015 è stata sviluppata per essere compatibile con altri sistemi di gestione quali la ISO 14001:2015 (ambiente) e la OHSAS 18001 (sicurezza) che verrà prossimamente sostituita con la norma UNI EN ISO 45001:2018.

La nuova revisione della norma ISO 9001:2015 rafforza il concetto di miglioramento continuo delle prestazioni dell’organizzazione, nel rispetto dei requisiti cogenti, dell’analisi dei rischi aziendali per la qualità – risk management – in linea con la politica e gli obiettivi direzionali.

Nell’ambito della consulenza qualità offerta, l’azienda ha modo di riesaminare la gestione di tutti i propri processi interni e, sulla base dei requisiti della nuova norma ISO 9001:2015, ne progetta di nuovi ottimizzando le risorse, attrezzature e strumenti a disposizione.

Il lavoro di consulenza qualità ISO 9001 pertanto si snoda attraverso varie fasi che riguardano la gestione della documentazione e delle registrazioni, l’impegno della direzione, la misurazione dei bisogni e soddisfazione del cliente, la gestione delle risorse, dei processi produttivi, la tenuta sotto controllo delle apparecchiature di monitoraggio e misurazione, nonché la misurazione, analisi e miglioramento dei dati.

Le Organizzazioni certificate secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 hanno un periodo di transizione, fino al 1 settembre 2018, per effettuare la migrazione verso il nuovo standard ISO 9001:2015. In questo arco di tempo, le precedenti edizioni degli standard rimangono in vigore.

Al termine di questa scadenza, i certificati rilasciati in accordo alla norma ISO 9001:2008 non saranno più validi.

I nostri tecnici possono svolgere sia una consulenza per l’implementazione completa del sistema di gestione in azienda oppure un servizio di assistenza periodica per il miglioramento continuo nel tempo degli standard richiesti dalla normativa e dal cliente stesso.

La norma SA 8000:2014 identifica uno standard internazionale di certificazione volto a certificare alcuni aspetti della gestione aziendale attinenti alla Responsabilità Sociale d’impresa per quanto riguarda le condizioni dei lavoratori (diritti umani, sviluppo, valorizzazione, formazione e crescita professionale delle persone, salute e sicurezza dei lavoratori, non discriminazione, lavoro dei minori e dei giovani) ed i suoi requisiti si estendono a tutta la catena dei fornitori e dei subfornitori.

Nonostante la norma SA 8000:2014 non copra tutti gli ambiti della Corporate Social Responsibility (CSR o, più comunemente detta, Responsabilità Sociale), essa risulta avere un impatto molto forte sul “rischio di reputazione” dell’Organizzazione.

La SA 8000 è stato il primo standard etico certificabile: l’idea di avvalersi di organismi di Terza Parte indipendenti e accreditati che operano con imparzialità di giudizio, rafforzano lo standard in termini di credibilità.

La certificazione di conformità allo standard SA 8000 prevede lo sviluppo e la verifica di sistemi di gestione che promuovano attività lavorative socialmente accettabili con vantaggi per l’Organizzazione e per tutta la catena di fornitura, in termini di miglioramento nella gestione dei “rischi aziendali”, nelle relazioni con le parti interessate interne ed esterne all’Organizzazione e in definitiva di miglioramento generalizzato della reputazione: il vero valore dell’impresa.

Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 ha introdotto in Italia la disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, ossia delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica. Ogni ente è infatti esposto ad una responsabilità diretta in relazione a taluni reati, espressamente previsti dalla Legge, commessi a suo vantaggio o nel suo interesse da soggetti che rivestono posizione apicali, da dipendenti o da collaboratori, anche esterni, nell’esercizio delle varie attività d’impresa.

L’adozione e l’attuazione del modello organizzativo e di gestione ai sensi del D.lgs. 231/2001, prima della commissione del fatto, costituisce esimente per la responsabilità amministrativa.
Completano il quadro delle condizioni necessarie per l’esonero di responsabilità:
■ la nomina da parte dell’organo direttivo di un Organismo di Vigilanza che controlli costantemente l’applicazione del Modello;
■ la previsione di sanzioni disciplinari per la mancata applicazione del modello.

L’Organizzazione che ha intenzione di adottare un Modello Organizzativo 231/01 deve necessariamente effettuare un’approfondita e accurata analisi dei rischi (Risk Assessment) sui potenziali reati contemplati nel Decreto che potrebbero essere commessi.
Un Modello Organizzativo è, infatti, adeguato se individua in maniera completa e accurata le aree a rischio reato e se prevede presidi di controllo atti a prevenire il verificarsi di tali reati.

Il percorso di analisi dei rischi si articola in una serie di step:
1) incontro preliminare per definire il perimetro dell’intervento (analisi dei processi, le relative interazioni e i responsabili degli stessi e delle aree aziendali esposte a rischio e i reati che possono essere commessi);
2) predisposizione di una mappa delle attività a rischio, analizzando anche il vigente sistema di controllo interno;
3) redazione di un Rapporto di Risk Assessment che descriverà le criticità evidenziate in sede di analisi dei rischi e potrà evidenziare gli strumenti di controllo idonei al miglioramento della gestione dei rischi. Nel far ciò, si terranno in debita considerazione diversi fattori quali: la natura dell’attività svolta, la normativa applicabile, la propensione al rischio, le condizioni dell’impresa, etc.

In questo contesto, i tecnici dello Studio Quality svolgono attività di Risk Assessment a supporto delle Organizzazioni che adottano un Modello Organizzativo 231/01.
L’analisi da parte di un Organismo indipendente garantisce:
■ integrità ed etica professionale, imparzialità nel giudizio, riservatezza delle informazioni
■ un team di professionisti con competenze specifiche e complementari, a copertura delle diverse fattispecie di reato presupposto.

Per ulteriori informazioni potete contattarci al numero telefonico
+ 39 0171.260239 oppure via mail: info@studioquality.it
Avvia la chat
1
Ciao! Sono la tua assistente
STUDIO QUALITY
come posso Aiutarti?